Avia Pervia

Avia Pervia
"Great minds discuss ideas. Average minds discuss events. Small minds discuss people" Eleanor Roosevelt

sabato 26 maggio 2012

La Solitudine dei piccoli




 La Solitudine dei PICCOLI?

Si tratta dell'ABBANDONO delle Piccole e Medie Imprese da parte di Stato e Enti Locali, che vengono strozzate da Tasse, Debitori che non pagano, Banche impaurite che non fanno più prestiti e Burocrazia...

Si tratta della SPINA DORSALE Italiana che si sta SPEZZANDO sotto questo PESO divenuto via via sempre più INSOSTENIBILE.

Che la situazione SI SIA AGGRAVATA TANTO da arrivare al punto di rottura è sotto gli occhi di tutti.

Lancio un Appello, come Figlia Primogenita di un Piccolo Imprenditore Modenese:

CHI PUO' fare QUALCOSA per sbloccare la situazione LA FACCIA SUBITO!
BASTA ai Suicidi per la CRISI.
BASTA Depressione, Stress, Stanchezza e Rabbia.
BASTA BASTA BASTA.


Come ve lo deve dire la Cittadinanza??!!

Ogni giorno aprendo il giornale,leggo che qualcuno si è:

1) Sparato

o
2) Buttato giù dalla finestra
o

3) Buttato giù dal balcone
o ancora

4) Buttato giù dal terrazzo

Volete arrivare alla Rivoluzione armata coi forconi??!!

La crisi non è un argomento fastidiosamente attuale di cui discutere pigramente davanti a un Talk Show!
 

E' Reale, succhia la Vita delle Persone e le priva della Volontà di continuare a Lottare per la Sopravvivenza, della Gioia di vivere e lascia solo VUOTO E DEPRESSIONE, ANSIA E PAURA DELL'IGNOTO.

DA DOMANI VOGLIO, dico VOGLIO e NON DESIDERO , VORREI o sarebbe AUSPICABILE...!

VOGLIO LEGGERE sul GIORNALE RISPOSTE CONCRETE alla CRISI. 


BASTA TERGIVERSARE.

IL TEMPO delle CHIACCHIERE è FINITO, siamo STANCHI.

E' il MOMENTO di DARE RISPOSTE CONCRETE, SIGNORI AMMINISTRATORI.

NOI ONESTI CITTADINI NON CI ACCONTENTEREMO PIU' di PROMESSE NON MANTENUTE!
E SE NON AVETE, COME l'ATTUALE GOVERNO di SUPERTECNICI, ALCUNA IDEA CONCRETA da cui PARTIRE per CAMBIARE le COSE e DIMINUIRE SPRECHI e TASSE:

BENE, VI riporto un PRIMO INDIRIZZO a cui VENIRE A CHIEDERLE SE AVETE DAVVERO la VOLONTA' di FARE QUALCOSA PER NOI CHE VI ABBIAMO ELETTI!
 




ABBIATE il CORAGGIO di CAMBIARE!

SE NOI, EMILIANI TERREMOTATI, CI TIRIAMO SU le MANICHE della CAMICIA Yves San Laurent e RICOSTRUIREMO, SIATENE CERTI, MATTONE per MATTONE il NOSTRO TERRITORIO...

 VOI da PARTE VOSTRA FATE lo STESSO, RICOSTRUITE PEZZO per PEZZO, la FIDUCIA negli AMMINISTRATORI della RES PUBLICA, DATE l'ESEMPIO, SIATE VOI per PRIMI in ITALIA gli EROI della NOSTRA SOCIETA' CONTEMPORANEA!

Rendeteci ancor più Fieri di appartenere a questa splendida Regione, l'Emilia Romagna.

venerdì 25 maggio 2012

TERREMOTO in EMILIA, ovvero l'alba di una nuova era









Da quando alle ore 4.40 del mattino il 20 maggio 2012, la Terra Emiliana ha iniziato a tremare, la Nostra vita non è più stata la stessa.

Non è solo per Chiese, Scuole ed Edifici pubblici e non, sventrati come fossero stati sottoposti a bombardamenti, ma proprio per la Nostra Vita, il nostro modo di vivere la quotidianità.

Vedo madri e figlie tremare al minimo accenno di tremore, vedo padri di famiglia piangere per una situazione divenuta insostenibile ormai arrivati al punto di tracollo.

Ma vedo anche tante piccole storie non raccontate di generosità e altruismo, di persone che "fanno rete" e vengono da vicino e da lontano per aiutare gli altri ad affrontare l'emergenza.

Vedo persone stanche, disperate, afflitte dal dolore e dalle preoccupazioni per un domani ignoto, che fa paura.

Vedo poi persone coraggiose donare un sorriso, un incoraggiamento e una parola di conforto a queste persone.

Non per forza l'aiuto dev'essere quello meramente materiale, che certo è sicuramente quello di prima necessità.
Ma a volte e anche spesso, un sorriso o una battuta per sdrammatizzare aiutano più di tanti discorsi pomposi. 

La gente che ha realmente bisogno riesce a vedere al di là dell'apparenza e capisce al volo l'intenzione della persona che sta dietro a una parola, a uno sguardo o a un gesto.

Con questo tipo di pubblico, il Politico di turno viene smascherato nelle sue reali intenzioni: occorre Fiducia, ma la Fiducia va conquistata e meritata coi fatti anzichè con la Demagogia, perchè i vuoti discorsi se non sono supportati dai fatti non interessano a nessuno, e la spettacolarizzazione del Disastro, una volta finita la novità, rimane quello che è: qualcosa di cui parlare e non qualcosa che rimane dentro, che sconvolge e cambia l'interiorità di chi ascolta, ma piuttosto solleva un polverone, che quando scompare lascia il mondo intatto.

Ciò che CI occorre, a mio modesto avviso, non è nè polverone mediatico nè, nemmeno, grandi slogan di aiuto che poi si spengano appena appaia all'orizzonte una notizia migliore, più nuova.

Occorre qualcuno che sposti un sassolino, magari, solo uno, ma che passato il polverone, risulti effettivamente smosso, non più nel medesimo posto.

Perchè la maggioranza delle volte è proprio vero che: "Le cose cambiano perchè tutto permanga eguale" cit. di un noto filosofo.

Perciò concludo dicendo: "Coraggio Amici Emiliani, troviamo il CORAGGIO per cambiare l'Italia!"

Cambiare noi stessi è il primo passo per fare un Paese vero, quello che ognuno di Noi vorrebbe ma non vede. 

Parafrasando ciò che disse un noto personaggio del novecento, discutibile, questo è vero, ma che distrusse le mafie, diciamo insieme: 

Alziamoci.... e Partiamo!